Must have: la Chanel 2.55

Nel 1955 Coco Chanel dà vita a una delle borse cult tra le più ammirate e desiderate dalle donne del pianeta: la Chanel 2.55, una borsa con una storia lunga più di mezzo secolo.

C’è chi la ama e chi la odia, ma la Chanel 2.55, nelle sue diverse fogge, è a tutt’oggi considerata da molti simbolo di eleganza, femminilità e allure.

Un po’ di storia
La sigla 2.55 indica una data: il febbraio del 1955. Un nome sintetico ed essenziale, com’era consuetudine per Coco Chanel. Ma l’idea ispiratrice alla base di questa borsa è nata ben prima, addirittura negli anni trenta, in linea con il concetto di moda di Mademoiselle Coco, quello di un abbigliamento elegante, ma sobrio e soprattutto comodo, nato per una donna libera ed indipendente. E il concetto della 2.55 nasce proprio su questo principio: un modello di borsa funzionale, elegante ma soprattutto comodo, che lascia libere le mani, per una donna attiva e indipendente.

Nel febbraio del 1955 compare quindi la prima Chanel 2.55. I primi modelli sono in jersey, poi arrivano quelli in morbido agnello. La superficie è in pelle rivoltata e impunturata con il classico motivo a rombi. La tracolla è a catena e si ispira al portachiavi dei custodi dell’orfanotrofio in cui è cresciuta Coco Chanel. Ma i ricordi dell’orfanotrofio si riflettono anche nell’interno della borsa, bordeaux come le divise indossate dai bambini che vi abitavano. All’interno c’è una piccola taschina chiusa da una zip, quasi un vano segreto, mentre nella parte posteriore c’è una tasca pensata per riporvi le monete. Anche la chiusura è semplice, rettangolare e in metallo nel modello Reissue, con la classica doppia C incrociata nel modello classico.

Non per niente la Chanel 2.55 è arrivata quasi intatta fino ai giorni nostri. Certo, negli anni Ottanta a svecchiarne leggermente il design è arrivato provvidenzialmente lo stilista Karl Lagerfeld, che ha aggiunto le due mitiche C incrociate alla chiusura e la striscia di pelle intrecciata alla catena della tracolla, dando vita così alla Chanel Classic Flap. Nel 2005, per festeggiare il cinquantesimo della 2.55, Lagerfeld ha riproposto la 2.55 identica a quella originale disegnata da Coco Chanel del 1955, dandole il nome di 2.55 Reissue (“riedizione”, appunto). Le linee tradizionali della 2.55, sono state declinate in varie modalità, colori e materiali ad ogni collezione stagionale.

Ancora oggi la Chanel 2.55 è prodotta con un lungo ed accurato lavoro artigianale. Per ogni borsa occorrono 18 ore di lavorazione e materiali di prima qualità. Due terzi della produzione vengono realizzati negli stabilimenti Chanel in Francia, il resto è prodotto in Italia. Non si tratta dunque di un prodotto di serie: ogni esemplare è paragonabile a un pezzo d’atelier, interamente realizzato a mano con grande cura per i dettagli.

La borsa viene prodotta in tre dimensioni: piccola, media e grande/Jumbo. I prezzi aumentano in modo orrendo di stagione in stagione e variano molto da un modello all’altro. Più che un acquisto, si tratta di un vero e proprio investimento che a mio parere va ponderato adeguatamente: io me la sono regalata (nel modello Jumbo Caviar double flap) per i miei 50 anni e, prima, sono stata due volte a provarla in boutique a Milano. A parziale discolpa per i prezzi in continuo aumento, si può dire forse che siamo di fronte ad un oggetto di qualità che non dura certo una sola stagione, ma che può essere usato per anni e anni, con un costante aumento del suo valore.

Questo fa sì che se si decide di vendere la propria Chanel anni dopo, generalmente si spunta un prezzo ottimo. Io in precedenza ho avuto il modello medio, acquistato usato (ma praticamente nuovo e provvisto di scatola, fattura ecc.), e l’ho rivenduto addirittura con un piccolo margine.

Visto il costo di un simile “investimento”, passo subito a elencare quelli che, a mio parere, sono i vantaggi e gli svantaggi di questo modello.

Vantaggi:

  • È una borsa iconica e una borsa senza tempo.
  • Il suo valore aumenta nel tempo e, se la borsa è ben tenuta, può essere rivenduta a un buon prezzo.
  • Nella misura Jumbo è una borsa comoda e capiente.
  • Nella misura Jumbo, ha una tracolla lunga che può essere anche “doppiata”. Questo consente di portare la borsa in vari modi, tutti molto comodi.
  • È una borsa iconica che si fa notare.
  • Il pellame Caviar è molto resistente.
  • Il peso è contenuto.

Svantaggi:

Preciso che, almeno per me, la maggior parte degli svantaggi riguardano il modello classico della 2.55, ossia quello medio, che ho avuto per qualche anno e ho poi rivenduto per mancato utilizzo. Si tratta naturalmente di pareri del tutto personali!

  • La versione media da circa 25 cm ha la tracolla corta anche per una persona di media statura come me; non solo non consente di portare la borsa a tracolla, ma anche indossata a spalla secondo me risulta corta.
  • Sempre la versione media è poco capiente; faticavo infatti a farci stare l’indispensabile (portafoglio zippy, chiavi, cellulare).
  • Per tutti i modelli: la pelle in agnello è delicata e può rigarsi facilmente. Addirittura la catena stessa della borsa, se appoggia sul pellame, può segnarlo, come mi ha detto una gentile vendeuse del negozio Chanel milanese.
  • Il design del modello medio (anche questo è un mio giudizio personale) è davvero molto tradizionale, anche su una donna di 50 anni come me con uno stile abbastanza classico.

Come accennato, i prezzi già alti per la Chanel 2.55 sono in costante e spaventoso aumento. Tuttavia è possibile trovare delle ottime alternative nell’usato di lusso.

A questo proposito, oltre ai negozi vintage di lusso “fisici”, presenti in molte città, consiglio anche:

  • Il gruppo Facebook italiano Pinkcorner, dove spesso oltre ai modelli di molte altre marche vengono messe in vendita borse Chanel da parte di venditrici private. Il gruppo vanta anche un suo servizio di autenticazione online delle borse ed essendo un gruppo di acquisto e vendita tra privati non prevede commissioni, per questo è spesso possibile trovare valide offerte.
  • Vestiaire Collective (vestiairecollective.com), vintage store online di fama mondiale con una vastissima offerta di modelli Chanel.

(Ho parlato di questi due validi canali di acquisto e vendita di Chanel usate anche qui.)

Come al solito, concludo con una carrellata di foto della Chanel 2.55 indossata (tutte le foto sono tratte da Pinterest)!

A voi piace? Trovate sia un modello ancora attuale? Ditemi la vostra!

xxx

 

2 risposte a “Must have: la Chanel 2.55”

  1. Grazie! Le pagine che scrivi sono belle, utili e interessanti… come mi ritrovo in alcuni tuoi riferimenti allo shopping… pazienza siamo donne.

    Voglio assolutamente provare le tue creme, i tuoi consigli mi hanno convinta, grazie paola

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *