Must have: Gucci Soho Disco (recensione)

Ho scritto questo post su invito della gentilissima Caterina, che gestisce la pagina Facebook What’s happening, cate? e mi ha proposto di collaborare con la sua con un post periodico tutto dedicato alle borse.

L’idea è di presentare, con cadenza più o meno settimanale, una borsa (può trattarsi di un classico o di un’IT bag del momento), raccontandone un po’ la storia e illustrandone pregi e difetti, magari anche per aiutare chi sta valutando l’acquisto.

La pagina di Caterina è molto bella, utile e informativa, ricca di consigli professionali utili per ottimizzare la nostra immagine. Io la seguo solo da poco tempo, eppure ho già trovato molti spunti e suggerimenti interessanti!

Oggi vi parlo di un’altra borsa che da qualche anno possiedo e che apprezzo tantissimo, la Gucci Soho Disco.

 

Si tratta di un modello di dimensioni medio-piccole, a tracolla, dalla forma squadrata, quasi un po’ boxy, e tuttavia molto capiente per le dimensioni.

La storia: ho anche fatto qualche ricerca online, ma sono riuscita a trovare poco sulla storia (molto recente) di questa borsa della maison Gucci, se non che si affaccia sul mercato qualche anno fa, alla fine del 2012, in una decina di colori più una variante pitone rosata dipinta a mano, e riscuote subito grande successo.

Ogni anno viene riproposta in vari colori – dai classici e continuativi beige, rosso e nero ad altri più stagionali (ricordo in particolare una collezione estiva in cui la Disco è uscita in bellissime tonalità arancio, fucsia e turchese, andate subito esaurite in molti store fisici e online).

È stata inoltre realizzata anche in qualche altra versione pitonata, molto bella e ormai quasi introvabile, se non a prezzi altissimi, nel mercato del vintage di lusso.

Il suo nome può evoca party e uscite serali, notti estive trascorse in discoteca a ballare, ma la sua forma moderna e compatta e la sua aria sbarazzina la rendono un accessorio pratico e ideale per innumerevoli occasioni e per ogni ora del giorno e della notte.

I vantaggi:

  • La Disco Bag di Gucci ha un design sobrio e pulito, dimensioni che la rendono adatta per contenere tutto il necessario(una delle cose che mi irritano di più in una borsa è l’impossibilità di contenere almeno portafogli di grandi dimensioni, cellulare, occhiali da sole e chiavi di casa/dell’auto; nella Disco tutto questo ci sta), ma senza ingombrare.
  • La tracolla praticissima e sufficientemente lunga da far adagiare la borsa all’altezza della coscia che ne fa un accessorio non solo pratico, ma anche grazioso e persino un po’ slanciante (a differenza delle borse a tracolla corta che finisce all’altezza della pancia, sempre un po’ difficili da indossare secondo me).
  • La capienza, decisamente superiore a quella di altre borse di dimensioni esterne simili – provare per credere.
  • I colori, uno più bello dell’altro. Non per niente i migliori e più lussuosi online store, come Net-à-Porter o My Theresa, continuano a riproporla di stagione in stagione in nero, rosso e beige più qualche variante stagionale.
  • Il prezzo abbastanza contenuto (si fa per dire) – 890 euro (ma quando è uscita costava molto meno) – per una borsa della maison Gucci realizzata interamente in pelle.
  • La nappina e la doppia GG, dettagli che regalano a questa borsa quel tocco in più e la rendono adatta anche alle occasioni serali.
  • È una borsa che in valigia occupa pochissimo spazio ed è sicura nelle grandi città grazie alla tracolla; tutto questo ne fa una compagna di viaggio ideale.

Gli svantaggi:

  • La pelle, specie se molto sollecitata da “contenuti” ingombranti, tende leggermente a sformarsi nel corso del tempo (io quando non la uso per un periodo la riempio di carta velina e chiudo sempre la cerniera; questo l’ha conservata molto bene nel tempo)
  • La capienza, per quanto ottima per una borsa di dimensioni medio-piccole, non è tale da farne una borsa per portarsi dietro “il mondo” (ma non è neppure nella sua natura).

Nel complesso è una di quelle borse che, se me la rubassero, ricomprerei al volo perché la uso tantissimo e in certi frangenti è davvero insostituibile!

Qui di seguito una breve carrellata di foto “serie” prese da Pinterest, tutte dedicate alla Disco.

 

A voi piace? L’avete o, se vi piace, di che colore la comprereste?

 

 

 

 

4 risposte a “Must have: Gucci Soho Disco (recensione)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *