Fare shopping nel guardaroba (con qualche piccola sfida)

Capita a volte di lasciarsi un po’ andare con lo shopping quando in realtà ci si sente annoiate dal proprio modo di vestire, stressate dal lavoro o da altri aspetti della nostra vita, insoddisfatte del proprio aspetto ecc. Negli anni però mi sono resa conto che molto raramente la risposta è fare più shopping, anzi: spesso “ingolfare” il nostro guardaroba con nuovi acquisti spontanei e impulsivi non fa che aumentare il senso di disordine e perdita di controllo e confonderci ulteriormente le idee su cosa indossare.

Qualche anno fa ho finalmente realizzato, sia grazie ai miei stessi errori che a vari esempi negativi di altre donne che avevo sotto gli occhi, che aggiungere semplicemente altro al proprio guardaroba non era la risposta – perché il problema stava proprio nel fatto di avere già troppo!

In tutto questo, come rimedio utile, immediato e soprattutto divertente ho scoperto a un certo punto le cosiddette wardrobe challenge – ossia il lanciarsi qualche piccola sfida di stile, per sfruttare meglio quello che si possiede e variare di più il proprio modo di vestire. Queste sfide sono utili anche in altri momenti, ad esempio quando si ha voglia di un break dallo shopping o si vuole fare chiarezza su quello che già si possiede e su quello che invece davvero manca o potrebbe al contrario arricchire il nostro guardaroba.

Negli anni, leggendo vari blog, frequentando gruppi che parlavano di moda e leggendo qualche libro di stile (vedi qui e qui) ho raccolto alcune di queste challenge. Ogni volta imparo qualcosa di nuovo (ad esempio, cosa davvero mi piace del mio modo di vestire e quali outfit mi fanno sentire più a mio agio), sfodero il mio lato creativo e spesso, a sfida terminata, decido di declutterare un pochino o riesco ad affinare la mia shopping list.

I vantaggi sono molteplici:

  • Si sfrutta quello che si ha già → si compra meno
  • Si capisce quello che non funziona addosso a noi, che non ci piace e non ci fa sentire a nostro agio → si compra meno e meglio, evitando errori di shopping
  • Si scoprono capi e accessori a lungo dimenticati → si compra meno
  • Si decluttera di più e meglio → guardaroba più sgombro e gratificante (ci va tutto bene, ci piace tutto, tutto si abbina con tutto ecc.)
  • Ci si distrae un po’ dallo shopping come “risposta” alla noia e alla mancanza di uno sfogo creativo → si compra meno

Naturalmente di queste wardrobe challenge ce ne sono mille e se ne possono tranquillamente inventare di nuove a proprio piacimento, si possono fare da sole oppure con qualche amica. Può essere divertente anche fotografare i vari outfit per registrare i “risultati”, per così dire, magari condividendoli su Instagram o in altro modo.

Qui vi propongo qualcuna delle sfide più immediate e divertenti da provare, ma se ne avete altre da proporre ne sarei felice!

  1. La “settimana senza” Siete persone (come me, d’altronde) che hanno una o più “divise” rodate (per me, skinny+blusa+ankle boot) o che difficilmente rinunciano a un capo o a un accessorio in particolare? Allora questa sfida è per voi, perché vi obbliga a uscire dalla vostra personale comfort zone. Scegliete una cosa che indossate fin troppo spesso ed eliminatela per una settimana. Cercate di pensare fuori dagli schemi per creare nuovi abbinamenti. Per esempio, per me potrebbe trattarsi di una settimana senza colori neutri o senza skinny jeans.
  2. La “settimana del vintage” Scegliete sette capi o accessori che nell’ultimo anno non avete mai messo (quelli che i fanatici del decluttering estremo direbbero di cestinare senza pietà… io sono meno rigorosa, lo ammetto). Ogni giorno, create un outfit attorno a uno di questi capi o accessori. Alla fine della settimana riesaminate la situazione: se davvero non siete riusciti a rivalutare l’oggetto in questione, è davvero il momento di declutterarlo. In caso contrario, avrete riscoperto qualcosa che potrete riutilizzare ancora con soddisfazione.
  3. Sfida del 10×10 Scegliete 10 capi e mixateli in modo da creare 10 outfit diversi, da indossare per 10 giorni di fila. Questo è semplice e divertente, oltre che una sfida può risolvervi brillantemente il problema dei bagagli ma non solo: aiuta anche a diventare più creative con gli accessori, che sono invece utilizzabili a piacimento. È una delle sfide che ho sperimentato che mi ha insegnato di più e spesso uso questo criterio anche per fare i bagagli per un viaggio o una vacanza. (qui: esempio di blogger che segue questo sistema http://www.stylebee.ca/10-x-10-challenge/)
  4. Sfida monocromatica Scegliete un colore che vi piace e vi sta bene e mettete a punto un outfit realizzato interamente con capi e accessori di quell’unico colore. Sono ammesse sfumature “affini”, ovviamente. Questa sfida mi piace sempre molto perché è anche molto in linea con i miei gusti… ma forse non è abbastanza sfidante, in effetti!
  5. Sfida «settoriale» Uso questa sfida quando so che dovrei mettere ordine in una determinata categoria del mio guardaroba (la prossima da passare al vaglio: abitini autunno/inverno) e decidere cosa tenere e cosa scartare. Per una settimana, mi impongo di indossare un capo al giorno di una stessa categoria, impegnandomi nel creargli attorno un abbinamento che mi piace. Se a fine giornata non sono convinta e non mi sono sentita a mio agio, scarto senza pietà.

Oltre a quelle citate, ci sono letteralmente migliaia di sfide più squisitamente stilistiche: ad esempio creare un outfit abbinando capi in denim di due tonalità diverse, creare un look autunnale utilizzando un capo decisamente estivo, scegliere un capo d’abbigliamento di un colore che non indossate mai (per me, il rosa) e creargli attorno un abbinamento così fantastico da farne un pezzo forte ecc. ecc.

Infine, ci sono le Sfide con la S maiuscola, o sfide 2.0 , come il metodo Project 333 di Courtney Carver, lo Shopping Ban (versione chic & anglosassone del più nostrano “metto la carta di credito nel freezer per un mese”), il 30×30 Remix and so on. Credo possano essere davvero utili in alcuni casi, anche se non le ho mai provate.

Spero di avervi dato qualche spunto di ispirazione e mi piacerebbe sentire se avete altre sfide da proporre o che esperienze avete fatto al riguardo!

In quanto a me, la prossima sfida che affronterò penso sarà quella di creare 7 outfit attorno a una Balenciaga City rossa che ultimamente uso decisamente pochino.

xxx

3 risposte a “Fare shopping nel guardaroba (con qualche piccola sfida)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *