Alla scoperta di antichi sapori nelle terre di «Novecento»

In questo lunedì di metà ottobre, invece di andare in ufficio e di pranzare velocemente in uno dei tanti locali del centro come al solito, ho deciso di partire alla scoperta dei sapori della “Bassa” e ho scelto la campagna a sud di Cremona, al confine con la provincia di Mantova, luoghi che frequentavo da bambina e che per me sono legati a molti ricordi felici.

Novecento è un film del 1976 diretto da Bernardo Bertolucci che racconta la storia di tre generazioni impegnate nella lotta di classe in Emilia, sullo sfondo di cinquant’anni di politica italiana. Presentato fuori concorso al 29° Festival di Cannes, il film fu poi selezionato tra i 100 film italiani da salvare.

Il film è stato girato nelle province di Parma, Cremona, Reggio Emilia e Mantova e alcune delle scene sono state girate all’azienda agricola Badia di Voltido, a Pontirolo di Drizzona, a Rivarolo del Re e a San Giovanni in Croce (CR).

Stavolta abbiamo scelto proprio Voltido, e più precisamente l’Antica Trattoria Gianna, come destinazione della nostra ultima escursione gastronomica, scelta anche per legami affettivi e famigliari.

 

Da Gianna non c’è un menù scritto: si sceglie semplicemente tra i piatti del giorno, tutti ottimi, proposti con slancio ed entusiasmo dai simpatici e cordiali «padroni di casa».

Spalla cotta e fragranti soufflé

Come antipasto, abbiamo gustato dell’ottima spalla cotta, una delle specialità del locale, e degli ottimi soufflé ripieni, innaffiando il tutto con dell’ottimo lambrusco mantovano.

La scelta dei primi si è rivelata davvero ardua – ci ispiravano tutti! Tralasciando per una volta i tortelli di zucca (nella mia famiglia sono un must natalizio, ma personalmente non amo gli accostamenti dolce/salato e in generale il sapore della zucca, ma per i moltissimi estimatori Gianna è senz’altro un posto in cui gustarli), abbiamo optato per un meraviglioso e mantecato risotto ai funghi e a gorgonzola (?) e fusilli alla chianina.

Purtroppo la golosità ha avuto la meglio e mi sono letteralmente dimenticata di scattare foto dei primi piatti!

Le porzioni, ottime e abbondanti, non ci hanno purtroppo consentito di assaggiare i secondi – ci toccherà tornare!

Siamo così passati direttamente ai dessert. Essendo in quattro e non volendo lasciare niente di intentato (…), abbiamo optato per quattro dolci diversi: cheesecake al frutto della passione, budino di melograno, profiterole al cioccolato bianco e semifreddo al cioccolato Perugina.

Insomma, in tutto e per tutto una fuga gastronomica perfettamente riuscita, senz’altro da ripetere, anche per la gentilezza e la cordialità di chi gestisce questo locale, che a mio parere rende assolutamente onore alla sua filosofia:

«Qui da noi si crede soprattutto che esista ancora qualcuno che, in nome della pecunia, non abbia ancora sacrificato quelle prerogative che sono sempre state delle nostre vecchie trattorie, e che i moderni ristoranti sembrano aver spesso dimenticato. E in fin dei conti, crediamo fortemente che questa strada è senza dubbio quella vincente.»

Sito Antica Trattoria Gianna: http://www.anticatrattoriagianna.com/

Tripadvisor: https://it.tripadvisor.ch/Restaurant_Review-g2399100-d2395578-Reviews-Antica_trattoria_Gianna-Recorfano_Province_of_Cremona_Lombardy.html

Un’alternativa gastronomica sempre in zona: Trattoria dell’Alba, Vho di Piadena:

https://www.facebook.com/Trattoria-dellAlba-152183514894659/

Anche qui ho pranzato personalmente più volte (non ci facciamo mancare niente…), rimanendo anche in questo caso assolutamente incantata dall’ottima cucina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *