Come vestirsi bene con poco

(Tutte le immagini sono tratte da Pinterest)

Gli americani parlano di vestire costoso, dress expensive, mentre al di qua dell’oceano quello che molte donne desiderano è vestirsi bene con poco. Il concetto, però, è un po’ sempre lo stesso:  come essere eleganti e chic e, perché no, avere un look di classe e persino lussuoso senza dilapidare le nostre sostanze?

Il dilemma può sembrare apparentemente futile e non interessare affatto, il che naturalmente è più che legittimo; ma la verità è che nella nostra società, ossessionata dall’immagine, ci sono molte situazioni che proprio futili non sono (sul lavoro, ad esempio) in cui apparire chic ed eleganti può offrire vantaggi concreti.

A questo aggiungo la mia convinzione personale che, senza esagerare (perché le esagerazioni non sono mai chic), apparire curate ed eleganti sia un segno prima di tutto verso sé stesse e poi anche verso gli altri.

Ma a prescindere da qualsiasi considerazione e punto di vista sull’argomento (mi piacerebbe comunque sentire le vostre idee in proposito!) , ecco 10 utili consigli per chi vuole essere comunque chic e avere un look di classe, indipendentemente dal proprio stile:

1 – PER AVERE UN LOOK “COSTOSO” NON È NECESSARIO COMPRARE COSE COSTOSE

Pur essendo arrivata a un’età in cui mi posso permettere oggetti di lusso se li desidero, sono fermamente convinta di una cosa: i soldi non fanno lo stile. Di esempi è pieno il mondo, basta guardarsi in giro.

Quello che conta è saper scegliere, avere occhio, conoscersi molto bene (e in questo può risultare utile anche una consulenza d’immagine che comprenda aspetti come l’armocromia, lo studio della propria forma fisica ecc.).

Insomma, più che di spendere soldi si tratta di spendere meglio il proprio tempo, affinando  il proprio stile personale, studiando le tendenze e come valorizzarci anche con un budget “slim fit”.

2 – TUTTO SU MISURA

Il fitting, la vestibilità, è forse l’elemento (più ancora della qualità dei tessuti e dei materiali e delle rifiniture di un capo) più importante per un’apparenza chic.

Se un capo ci veste perfettamente, infatti, sembrerà automaticamente molto più lussuoso.

Per questo, conviene concentrarsi sui brand che ci vestono meglio (io escludo in partenza quelli che hanno una vestibilità poco adatta a me, per esempio) e, soprattutto, coltivare buoni rapporti con una brava sarta!

3 – BASIC ED EVERGREEN SONO LA SPINA DORSALE DI OGNI GUARDAROBA

Capisco perfettamente, perché ne sono vittima anch’io, il fascino per nulla discreto esercitato dai “nuovi arrivi” nei negozi, dai trend del momento e dagli sfizi.

Ciononostante, è davvero importante fare qualche riflessione su come spendere al meglio il proprio budget e puntare prima a costruirsi la “spina dorsale” del proprio guardaroba: questa può variare a seconda del proprio stile, naturalmente, ma è facile che includa cose come un paio di jeans perfetti, 2-3 T-shirt di qualità in colori base, una calda maglia di lana o cashmere in una tonalità neutra, un cappotto di qualità, una bella borsa ecc.

Partendo da lì sarà facile costruirsi un bel guardaroba e abbinarci tutte le cose più trendy e sfiziose che andremo ad aggiungere. E a ogni inizio stagione, questi capi creeranno un punto di partenza di qualità per abbinamenti sempre nuovi e attuali.

4 – INVESTI NEI CAPI CHE USI DI PIÙ E NEGLI ACCESSORI, RISPARMIA SUI TREND

Seguo questa regola praticamente da sempre: nel guardaroba ho cose di buona/ottima qualità che uso stagione dopo stagione (come il mio cappotto Fay di lana pesante blu, molte delle mie borse, gli stivaletti neri di Prada che resistono a tutto…) e altre cose più trendy e alla moda: e per queste ultime ben vengano anche le catene come Zara, Stradivarius ecc.

Anche per i capi che usiamo più spesso (nel mio caso, ad esempio, cappotti, jeans, maglie di cashmere e ankle boots per l’autunno/inverno) trovo si possa investire in un’eccellente qualità (controllare sempre le indicazioni sulla composizione) anche online (vedi punto 8).

5 –  PUNTA SULLA TINTA UNITA

I capi in tinta unita sono quelli più versatili, che si utilizzano di più e che molto più difficilmente passeranno di moda. Ecco perché la scelta della tinta unita al posto di tessuti con stampe e applicazioni è sempre vincente per creare un guardaroba a prova di tempo e di carta di credito.

Tra l’altro, questo consiglio potrà non piacere agli amanti di fantasie selvagge e decorazioni, ma anche loro beneficeranno moltissimo della possibilità di “incorniciare” i loro capi più ricchi di dettagli con capi di tinta unita, facendoli risaltare ancora di più.

6 – BORSE E SCARPE, MEGLIO IN PELLE

A meno che non si tratti di una scelta etica di fondo, per borse e scarpe è sempre meglio evitare gli “eco” materiali, che spesso rendono cheap questi accessori, e optare invece per materiali più chic e duraturi. Scarpe e borse sono tra le poche cose su cui è meglio non risparmiare a scapito della qualità (e ci sono molti modi per farlo, che vedremo più avanti).

7 – SÌ AL VINTAGE PER ALCUNE COSE

Soprattutto per le borse.

8 – SFRUTTA TUTTI I CANALI DI VENDITA DISPONIBILI

Di questi tempi l’idea che per risparmiare o vestirsi con un budget limitato occorra inevitabilmente fare compromessi in termini di qualità è davvero obsoleta.

I modi per risparmiare pur acquistando cose di alta qualità, infatti, esistono e sono molteplici: dagli outlet e dalle svendite di campionario sotto casa ai saldi delle nostre boutique preferite, fino ad arrivare agli interessantissimi canali online: io per esempio trovo che Diffusione Tessile abbia sempre un ottimo rapporto qualità-prezzo, dato che offre capi smarchiati del gruppo Max Mara ed è possibile trovarvi, per esempio, cappotti in lana e cashmere assolutamente attuali a meno di 150 euro.

Sempre parlando di cappotti, tra i nuovi arrivi autunno/inverno ieri da Max & Co ho adocchiato questo cappotto in drap di lana con un ottimo rapporto qualità-prezzo. Le turiste straniere lo stavano comprando alla velocità della luce.

Anche dare un’occhiata alle catene e ai grandi online store conviene sempre: alcune, come Asos, tengono infatti marchi di buona qualità (Adidas o Emporio Armani, per esempio) a prezzi ottimi, oltre a offrire spesso sconti e promozioni (attualmente, -60% sui Top Brand).

Anche la sezione Saldi o Outlet di alcune boutique online di lusso offrono spesso forti sconti sui grandi classici del guardaroba: è il caso di Giglio.com, un’istituzione nel settore che spedisce in tutto il mondo.

9 – FAI ORDINE NEGLI ARMADI

Come ormai avrete capito, sono una grande sostenitrice dello shop your closet, la pratica di fare ordine nel proprio guardaroba, scartare, regalare o vendere quello che non ci serve più e valorizzare quello che abbiamo, combinandolo in modi nuovi.

Non solo rappresenta una forma di meditazione modaiola che libera la nostra creatività, ma ritrovare cose che pensavamo di dover comprare e invece già abbiamo libera risorse da investire magari in un capo o un accessorio speciale, capace di elevare l’intero guardaroba.

Se l’idea vi piace, non avete che da “sfogliare” il mio blog e cliccare sui link qui sopra: troverete moltissimi spunti, perché è uno dei miei temi preferiti!

10 – NON ESAGERARE CON LE DECORAZIONI

A seconda del proprio stile personale, anche questo consiglio potrà non piacere a tutte. Per qualcuno, lusso è sinonimo di “riccamente addobbato”, di “sopra le righe”, ma resta il fatto che la vera eleganza è quasi sempre caratterizzata da semplicità e sobrietà.

Che il maglioncino sia costato 200 euro oppure 30, infatti, un look composto da pezzi semplici con accessori minimal risulterà sempre lussuoso.

Nell’esempio della foto, è la donna a spiccare nella sua elegante semplicità, invece di essere sopraffatta dai dettagli di ciò che indossa.

11 – PROVA I LOOK MONOCROMATICI

Anche questo è un consiglio che potrà non piacere a tutti. Quante volte chi si veste sempre di nero si sarà sentito ripetere “che tristezza, sempre in nero!”. A me che amo le tinte neutre, una volta è stato detto di “osare” (traduzione: indossare capi pazzi e fantasie multicolore, preferibilmente tutte insieme a giudicare dall’autrice di simili affermazioni), come se chi indossa le tinte neutre lo facesse per mancanza di coraggio.

Senza nulla togliere ai colori, infatti, le tinte unite, specie se abbinate in un look monocromatico, hanno l’immediato potere magico di rendere chic, elegante, snello e slanciato chi le indossa.

Altri vantaggi dei neutri: si abbinano perfettamente ai colori anche vivaci e alle fantasie, valorizzandoli; non passano mai di moda; sono chic per definizioni, sia in versione monocromatica che abbinati tra loro; valorizzano i tratti del viso e un bel fisico.

12 – LA SEMPLICITÀ È CLASSE

Vedi punti 5, 10 e 11.

13 – ACCOSTA TEXTURE DIVERSE

Questo consiglio rientra sicuramente nel concetto di Lusso 2.0, perché va a sovrapporsi ad altri suggerimenti più basilari che trovate sopra.

Personal stylist, attrici, modelle e redattrici di moda ne fanno ampio uso: l’abbinamento di capi in texture e materiali diversi, preferibilmente tono su tono o in sfumature di colori simili (e, guarda caso, spesso neutre), rende immediatamente lussuoso il look.

Ben vengano colli e altri dettagli di eco pelliccia sulle maglie di cashmere e i cappotti in tinta, o borse sfrangiate in pelle sulla giacca in tessuto liscio dello stesso colore o, ancora, gonne, abitini o maglie con bordi di piume, per esempio. Rendono il look immediatamente più interessante e chic.

14 – MAI SENZA UN BLAZER (O, D’INVERNO, UN BEL CAPPOTTO)

Ai blazer ho dedicato un intero post, per sfatare il mito di capo rigido, senza fantasia e leggermente stantio.

15 – PROVA LA REGOLA DEL 3

La regola del 3 è uno dei tipici trucchi usati dalle consulenti d’immagine, ma anche un concetto che probabilmente molte di voi seguono già a intuito.

Essenzialmente, questa regola suggerisce che perché un look sia realmente completo, occorre aggiungervi un terzo pezzo. Generalmente si tratterà di un accessorio spettacolare, ad esempio una bella borsa, di un gioiello vistoso o di una bella pashmina, ma anche di un capospalla strutturato o di un paio di sandali da urlo.

È anche una bella idea per sperimentare con quello che già possedete: a volte basta aggiungere un terzo ingrediente per ottenere un effetto magico e, soprattutto, chic.

Per chi volesse approfondire l’argomento e trovare molti altri spunti e idee, qualche libro che negli ultimi anni ho trovato particolarmente interessante:

How to Look Expensive: A Beauty Editor’s Secrets to Getting Gorgeous Without Breaking the Bank (Inglese)

La parigina. Guida allo chic.

E molti altri libri interessanti qui.

E voi? Siete d’accordo con questi suggerimenti? Ne avete altri da aggiungere?

E cosa rende lussuoso o, come direbbero gli americani, “costoso” un look?

Se vi va, partecipate alla discussione sulla pagina Facebook di No time for Style!

 

Moda estate: look serale per una cena informale

Ora che le temperature si sono notevolmente abbassate, ogni tanto per i miei look serali informali torno a indossare i miei amati skinny jeans, che per un periodo avevo dovuto inevitabilmente accantonare.

Questo naturalmente per un’amante dei pantaloni e dei jeans in particolare aumenta di molto le alternative, anche per un look serale, e soprattutto mi consente di sfruttare al meglio la mia folta collezione di top estivi!!

Ieri sera per una cena easy in un ristorantino di sushi ho scelto questo look molto semplice e basic, arricchendolo con gli accessori, tra cui le Valentino Rockstud, comprate a titolo di “investimento” diversi anni fa e messe sempre poco, non so perché.

Cosa indossavo:

Top estivo bianco, indossabile in due modi, Amazon

Jeans skinny H&M, vecchi, simili qui

Borsa, Chloé mod. Faye, vintage qui, nuova qui

Scarpe, old, Valentino mod. Rockstud, modelli simili qui o qui

Collane con nappine, le mie le ho prese a Bali l’anno scorso, ma ne ho trovate di bellissime anche tra le meravigliose creazioni di Paola Spatuzza su questa pagina Facebook. Sono davvero belle!

Oppure anche  qui qui (e qui i relativi braccialettini, deliziosi da portare in versione multipla).

E voi? Quali sono i vostri look serali del momento?

P. S. Ho notato che i commenti diretti ai post sul blog sono sempre relativamente pochi, mentre la discussione si svolge soprattutto alla pagina Facebook di Notimeforstyle.

Per questo, se vi fa piacere, vi invito a seguirla e a mettere mi piace, così è più facile chiacchierare di moda e restare in contatto! Vi aspetto!

Buon Ferragosto a tutte!

xxx

 

Look estivi: look del giorno jeans + T-shirt

Più semplice di così si muore, direte, e in effetti quando la mente è piena di cose da fare e da pensare, il look per me dev’essere inevitabilmente semplice, tanto più se parliamo di look estivi!

Non ho molte T-shirt, anche se le considero un capo geniale e versatilissimo a cui ho dedicato altri post: ad esempio questo, sulle Logo T-Shirt che impazzeranno anche la prossima stagione (avvistate anche in versione felpa, più adatte all’autunno) o qui parlando di cosa indossare sotto a un blazer).

Essendo totalmente sfornita di logo T-shirt , qualche giorno fa da H&M tra i nuovi arrivi ho agguantato al volo questa, che mi è sembrata di buon cotone e in generale di buona qualità.

Di T-shirt grafiche, comunque, è pieno il mondo e penso che ne cercherò qualcun’altra di carina su Asos.

Il mio look di oggi è conseguentemente semplice e “leggero” anche sul piano degli accessori – giusto gli orecchini di Satellite Paris che richiamano la decorazione color piombo della T-shirt.

Cosa indosso:

Jeans neri, Mango via Asos

Borsa, Chanel Boy (recensione qui, classifica delle mie borse preferite di sempre qui)

Sandali, Amazon,  qui in tantissimi colori 

T-shirt, H&M

Orecchini grigi, Satellite Paris, simili qui

Ricette estive: insalata di fagioli in 5 minuti

Per la serie “One Minute Chef” (che nella mia fantasia avrebbe dovuto diventare una sezione copiosa e ricca di proposte gustose e salutari, ma si è bloccata ahimé sul nascere), ho pensato di proporvi una delle mie ricette estive salvavita: costituisce infatti un piatto completo, non viola nessuna delle intolleranze alimentari che mi sono state riscontrate dal medico e dal nutrizionista (e che mi accomunano probabilmente al 90% delle donne della mia età: frumento, latticini di mucca and so on) e – vantaggio non da poco – viene mangiato e apprezzato anche dal resto della famiglia, figli noiosi inclusi.

Inoltre, in questi giorni di afa ferragostiana, offre l’indubbio vantaggio di essere pronta in 5 minuti senza dover accendere un solo fornello!

L’ho fatta ieri per la milionesima volta, perché essendo appunto molto popolare in casa nostra mi viene richiesta spesso, e ho pensato di condividerne la ricetta-lampo:

Ingredienti per 4 persone:

400 g di fagioli (io uso i borlotti), in scatola (in tal caso raddoppiare le dosi) e risciacquati per liberarli dal sale o ammorbiditi il giorno precedente e lessati per circa un’ora e lasciati raffreddare)

300 g di pomodorini

1 cipolla rossa di Tropea, tagliata sottile

80 g di feta, sbriciolata

1 vasetto medio-grande di tonno al naturale o sott’olio

Alcune olive nere

Una grossa manciata di rucola selvatica o di basilico lavati

Olio, aceto di mele, sale e pepe macinato fresco (facoltativo)

Preparare per prima cosa il condimento sul fondo di una zuppiera. Io uso circa 2 cucchiai d’olio d’oliva, 1 cucchiaio di aceto di mele, sale e pepe ed emulsiono il tutto.

Aggiungere i fagioli, le olive snocciolate, la feta sbriciolata con una forchetta e il tonno ben sgocciolato. Lavate i pomodorini, la rucola (io per qualsiasi verdura a foglia uso questa geniale centrifuga presa su Amazon (qui in Svizzera costa il triplo) che velocizza tutto.

Tagliate la cipolla rossa con la mandolina (ieri avevo fretta ma di solito uso questa).

Mescolare e condire circa 10 minuti prima del pasto.

Buon appetito!

E per una raccolta sempre aggiornata di ricette light, dall’antipasto al dolce, seguite anche la mia bacheca Pinterest dedicata al wellness, dove raccolgo tra l’altro nuove idee e ricette sane e deliziose!

 

 

 

Le migliori borse da donna in cui investire

 

Negli ultimi tempi ho ricevuto diverse richieste di consigli in cui mi si chiedeva quali fossero le migliori borse da donna in cui investire, i modelli più classici su cui puntare anche a lungo termine per arricchire il proprio guardaroba con un pezzo in grado di regalare grandi soddisfazioni per molto tempo.

Sì, perché giustamente chi ha deciso di spendere una certa somma per una bella borsa, vuole sapere se si tratta di un buon “investimento“, di un oggetto capace non solo di soddisfare tutte le esigenze pratiche che una borsa, anche firmata, deve comunque soddisfare, ma soprattutto di regalare eleganza al look e di durare negli anni.

Da molto tempo sono appassionata di borse e, negli anni, mi sono tolta diverse soddisfazioni. Alcune elle mie borse le ho acquistate nuove, in boutique, mentre per altre ho preferito optare per un vintage di alta qualità.

In tutti questi casi, il mio canale privilegiato è sempre stato Vestiaire Collective, la più grande risorsa online in termini di borse usate di lusso (o vintage), sostenuta anche da varie autorità del settore come Vogue. Anche molti personaggi famosi, redattrici e giornaliste di moda, attrici e blogger acquistano e vendono regolarmente su Vestiaire.

Negli anni Vestiaire Collective non ha mai deluso le mie aspettative ma, anzi, le ha sempre superate: ogni singolo articolo acquistato si è rivelato infatti più bello, più nuovo e in condizioni migliori di quanto mi aspettassi. Anzi, spesso la sensazione generale è stata proprio quella di stringere tra le mani un articolo perfettamente nuovo. Spesso gli articoli erano effettivamente nuovi e ancora dotati dei cartellini.

La mia Céline Mini Luggage, acquistata su Vestiaire Collective 8 anni fa

Ma i vantaggi di un rivenditore di usato di lusso come Vestiaire Collective non finiscono qui: il sito offre in fatti un servizio estremamente professionale e attendibile di autenticazione  e di controllo qualità: ogni singolo oggetto viene passato accuratamente al vaglio prima di essere spedito al compratore.

Per acquisire lo status di it bag, di solito, una borsa deve essere caratterizzata da un delicato mix di elementi: deve essere immediatamente riconoscibile, ma in modo sottile e mai pacchiano, deve risultare versatile ma elegante e non essere troppo facilmente accessibile. Inoltre, deve possedere un design moderno, attuale ma anche classico e pulito.

Ho cercato quindi di stendere un decalogo di quelle che ritengo essere, nel 2018, le più belle borse da donna da comprare, i pezzi classici su cui puntare.

1 – CHANEL 2.55

Che dire? È il classico dei classici e no, non invecchia, basta abbinarla bene. Io ce l’ho e consiglio assolutamente la versione Jumbo, in pelle Caviar. La userete tantissimo.

Per una recensione completa vedi qui.

Dove trovare un ottimo usato (e a volte anche il nuovo): qui.

2 – LOUIS VUITTON SPEEDY BAG

Da qualche anno va di più in versione Damier, ma qualunque sia la versione scelta, rimarrà un classico. Dotata di tracolla, diventerà presto la vostra borsa preferita anche in viaggio (e non solo).

Per una recensione completa vedi qui.

Dove trovare un ottimo usato (e a volte anche il nuovo): qui.

3 – FENDI PEEKABOO

In circolazione, come le precedenti, già da qualche anno, rimane una gran bella borsa, adatta a una vita piena e dinamica. Ogni anno viene riproposta in colori e pellami diversi.

Dove trovare un ottimo usato (e a volte anche il nuovo): qui.

4 – SADDLE BAG, DIOR

Decisamente la new entry tra le migliori IT Bag, la Saddle Bag è già stata in auge alcuni anni fa, per poi sparire temporaneamente dalle scene e fare un grande ritorno la scorsa primavera. E sembra destinata a restare, a giudicare dalle numerosissime blogger e socialite che ne sfoggiano una!

Dove trovare un ottimo usato (e a volte anche il nuovo): qui.

5 – GIVENCHY ANTIGONA

Mi è sempre piaciuta e ogni tanto valuto l’idea di prenderla. Nera, naturalmente. È una borsa fantastica, che regala grinta e carattere a qualsiasi outfit. Per questo, è perfetta per qualsiasi donna over 40, ma anche per le giovanissime. Nella versione secondo me più bella – nera e lucida – è anche antigraffio.

Dove trovare un ottimo usato (e a volte anche il nuovo): qui.

6 – GUCCI DIONYSUS

Negli ultimi anni, a mio parere, è diventato difficile identificare le vere IT Bag di questa maison, le migliori borse di Gucci in cui investire. Le nuove linee, sempre più confuse, hanno infatti prodotto una moltiplicazione dei modelli che tendono ad avere una vita sempre più breve.

C’è un modello però che ormai è in giro da anni e non sembra destinato a lasciare le scene: la Gucci Dionysus, con le sue linee caratteristiche e inconfondibili, is here to stay.

Recensione e ispirazioni: qui.

Dove trovare un ottimo usato (e a volte anche il nuovo): qui.

7 – CÉLINE BELT

Inserisco questo modello di Célin ex aequo nell’elenco delle borse più belle in cui investire, perché trovo ci siano altre IT-Bag di questa marca destinate a durare nel tempo (ad esempio la Mini Luggage o la Classic). In ogni caso, comprare una Céline è sempre una buona idea se si vuole un prodotto lussuoso e capace di resistere nel tempo senza passare di moda.

Dove trovare un ottimo usato (e a volte anche il nuovo): qui.

8 – HERMÈS BIRKIN

È una borsa che personalmente non desidero né comprerò mai, perché giudico davvero spropositato il suo prezzo, ma soprattutto perché è una borsa che, alla fine, reputo anche troppo classica per i miei gusti; inoltre, recenti esperienze fatte con questa maison e l’aver visto un po’ dietro le quinte dell’ampollosità che a volte accompagna questo brand (con lodevoli eccezioni a livello di personale, peraltro) mi hanno fatto ulteriormente crollare il mito (che già non coltivavo prima).

Ciò detto, resta comunque un grande classico e uno dei sogni borsofili di tante donne, per cui si merita di diritto un posto in questo elenco!

Dove trovare un ottimo usato (e risparmiarsi tutta la trafila con (finta) lista d’attesa ecc.): qui.

9 – CHANEL BOY

Un altro grande classico di casa Chanel, che mi sono regalata qualche anno fa e che ho sfruttato molto. Sicuramente più giovane e grintosa della 2.55, è abbastanza capiente grazie alla forma un po’ boxy e non ho mai rimpianto di averla presa!

Recensione e ispirazioni: qui.

Dove trovare un ottimo usato (e a volte anche il nuovo): qui.

10 – VANESSA BRUNO TOTE BAG

Vero emblema del french chic, questa borsa da vacanza e tempo libero resiste benissimo al tempo che passa ed è molto apprezzata anche fuori dai confini nazionali, ad esempio da molte star di Hollywood. Esiste in molti materiali e colori diversi. Must have!

Dove trovare un ottimo usato (e a volte anche il nuovo): qui.

11 – CHLOÉ FAYE

In realtà tra le migliori borse da donna da comprare a titolo di grandi classici ce n’è più d’una di Chloé, ma ho scelto la Faye perché è quella che, personalmente, trovo più bella e caratteristica. Altri modelli “papabili” sono la Drew e la Marcie.

Recensione e ispirazioni: qui.

Dove trovare un ottimo usato (e a volte anche il nuovo): qui.

12 – FALABELLA BAG (STELLA MC CARTNEY)

Borsa vegan frutto dell’estro creativo della stilista Stella McCartney, questo grande classico in ecopelle non manca mai di colpire e stupire: ce l’ho da molti anni e l’adoro, è comoda e decorativa ed è anche una delle borse che più spesso suscita interesse (e richieste di modello e boutique dove comprarne una!) quando vado in giro.

Recensione e ispirazioni: qui.

Dove trovare un ottimo usato (e a volte anche il nuovo): qui.

13 – BALENCIAGA CITY

Un’altra fantastica e pratica city bag, un’altra it bag che si merita un posto speciale nella lista delle migliori borse da donna da comprare! L’ho avuta, anzi ne ho avute ben tre, in colori diversi, negli anni. Fantastica per svecchiare qualsiasi outfit, rende al meglio in nero oppure, per contrasto, in un colore vivace.

Dove trovare un ottimo usato (e a volte anche il nuovo): qui.

14 – COLLEGE BAG, YVES SAINT-LAURENT

Uno dei classici più recenti impazza soprattutto in alcune città, come Milano, ma ha saputo comunque meritarsi nel giro di qualche anno un posto fisso nella classifica delle più belle borse da donna in cui investire. Sicuramente poco adatta per il college, però. 😉

Dove trovare un ottimo usato (e a volte anche il nuovo): qui.

Quali sono le vostre borse preferite? In quali investireste, in quali no? E perché?

Ditemi la vostra, qui o sul gruppo di discussione di Notimeforstyle su Facebook!

Infine, trovate la mia bacheca costantemente aggiornata e tutta dedicata alle borse su Pinterest. Seguitemi! <3

Moda estate: la tuta/jumpsuit nera

Una nuova tuta nera

Credo di avervi già tediato a sufficienza con le mie tristi e infruttuose ricerche di abiti estivi che non siano a) rigorosi tubini da ufficio oppure b) abitini scollacciati da mare/vacanza.

A un certo punto, tra il tentativo di farmi andar bene un sacco informe e quello di adattarmi al genere zuccheroso/fiorelloso/alla Via col Vento, ho deciso di rassegnarmi e di farmi andar bene quello che ho già – in altri termini, di fare shopping nel mio armadio, un esercizio sempre utile che ha il duplice, anzi triplice pregio di preservare il portafoglio (liberando risorse in vista delle nuove collezioni), stimolare la creatività e aumentare il grado di sfruttamento delle cose che già possediamo e amiamo.

Tra i (davvero pochi, e non lo dico solo perché mio marito potrebbe leggere questo post) nuovi acquisti fatti questa stagione, quello forse più innovativo per me è stata la tuta nera, altrimenti detta jumpsuit.

Ne ho comprate ben due, entrambe nere: una più serale e scollata, che metto appunto solo la sera per qualche uscita, e una easy e sportiva che posso adattare al giorno o alla sera cambiando qualche accessorio.

Ho già indossato entrambe varie volte, specialmente la seconda, che si è rivelata un vero passepartout. È un capo che ha superato di gran lunga le mie aspettative e che perciò consiglio a tutte!

Tra i vantaggi della tuta:

  • risolve un intero outfit con un unico capo d’abbigliamento
  • si presta a molteplici occasioni, da sportive a più eleganti: basta cambiare accessori

Jumpsuit indossato in chiave sportiva, con le sneakers…

… e in versione Red Carpet, con tacchi e clutch…

  • esiste in una moltitudine di modelli, adatti virtualmente a qualsiasi forma del corpo (ho trovato molto interessante questo post, al riguardo). Io per esempio sono una clessidra relativamente snella (nei giorni buoni), ho le gambe lunghe rispetto al busto, per questo ho scelto un modello con il collo a V e un secondo modello (nelle foto) con scollo all’americana: entrambi i tipi di scollatura, infatti, allungano visivamente il tronco.
  • è stilosa ma con un pizzico di grinta e modernità – quella che qualche volta manca ad alcuni tipi di abiti, per esempio
  • scelta in un modello un po’ ampio, è davvero freschissima e comoda, anche per stare tutto il giorno in ufficio
  • indossata anche da sola, senza accessori, brilla di luce propria (che, per una persona dai gusti minimal come me, è un grandissimo vantaggio!)
  • scelta in un modello adatto alla propria fisicità, slancia

Insomma, da scettica fino all’anno scorso ora ne sono entusiasta!

Per questo, ho raccolto qualche ispirazione e idea di abbinamento su Pinterest per la jumpsuit nera. Spero sia utile anche a voi!

Ma dove trovare delle belle tute?

Come per altri capi e accessori, la mia risorsa forse preferita al momento è Asos, dove è sempre disponibile una vasta scelta di modelli, alcuni dei quali disponibili anche nella versione Petite e Tall. Vedi qui.

Un modello monospalla visto su Asos

Anche Diffusione Tessile propone alcuni modelli di buona qualità, come questo:

Molto bella infine anche questa di Stradivarius:

Look del giorno: abito arancione con accessori cammello

Per ravvivare la mattina un po’ grigia, oggi ho optato per un abitino in un colore decisamente vitaminico, l’arancione.

Non ho molti capi colorati nel mio guardaroba perché preferisco decisamente le tonalità neutre. Però, quando decido per il colore, che colore sia!

Ho preso questo abitino di Maje un paio di anni fa ed è veramente comodo, anche per essere indossato tutto il giorno in ufficio. Il tessuto è morbido e molto elastico, piacevolissimo insomma.

Per me, un look in un colore vivace richiede un po’ di rigore negli accessori e uno degli accostamenti che più amo è quello tra rosso e sabbia o tra arancio e caramello.

Cosa indosso:

Abito arancione, Maje, old, simili qui, quiqui e qui

Sandali, Michael Michael Kors via Yoox, simili quiqui e ampia scelta qui 

Borsa, Céline, old, simile vintage qui

Orecchini a cerchio, Asos, per esempio quiqui. – per una scelta più vasta vedi qui.

E voi? Amate l’arancione o altri colori “vitaminici” preferiti per l’estate? O siete come me e generalmente preferite le tonalità neutre anche nella bella stagione?

Per altre ispirazioni sui look per la primavera – estate, seguite la mia bacheca di idee primavera/estate 2018 su Pinterest!

 

Look del giorno: bianco e nero minimal per l’ufficio

 

 

Pur amando molto il bianco e il nero separatamente, non amo invece moltissimo il bianco abbinato al nero. Fatico un po’ con le fantasie tipo le righe o i pois, per esempio.

A volte, trovo, può risultare banale e scontato, inoltre il contrasto spesso è troppo violento su di me, più adatto alle “stagioni fredde” secondo l’armocromia. Se poi l’argomento vi appassiona e volete richiedere una consulenza personalizzata, la consulente d’immagine Silvia Picca è davvero bravissima in questo settore: non solo con l’armocromia, ma per una consulenza d’immagine a tutto tondo.

In questi casi preferisco spezzare orizzontalmente il look a metà, abbinando un top nero a un sotto bianco (o viceversa).

In questo look per l’ufficio ho infatti abbinato un top in seta asimmetrico e leggermente drappeggiato di Helmut Lang con i miei jeans skinny cropped bianchi. Per smorzare un po’ il look “in bianco e nero”, ho aggiunto accessori (borsa e orecchini) sempre neutri, ma in tonalità più soft.

Creare look anche molto semplici, come questo, mi aiuta spesso anche a capire cosa definitivamente NON mi piace: un look troppo matchy-matchy (in questo caso, se avessi aggiunto una borsa nera avrei coordinato davvero tutti gli accessori) oppure con abbinamenti stridenti e un po’ troppo scontati (con il bianco e nero, ad esempio, la classica borsa rossa, o gialla).

Trovo che un eccesso di coordinamento nel look sia uno dei fattori che possono invecchiare una donna. Spesso vedo look molto accessoriati, in cui la collana è abbinata alla borsa, ai sandali, al foulard legato attorno alla borsa, alla montatura degli occhiali, allo smalto delle unghie and so on: personalmente, non li amo molto per i motivi già detti e preferisco decisamente un total look, tutto giocato su un’unica tonalità, ma con nuance e materiali diversi.

Cosa indosso:

Jeans skinny bianchi, Mango, simili qui qui

Top nero, Helmut Lang, old, simili qui e qui

Orecchini grigi, Satellite Paris, simili qui

Sandali neri, simili qui (stupendi!) qui e qui

Borsa, Chloe Faye, recensione qui, un ottimo vintage qui

Look della serata: total white + accessorio leopardato

In questi giorni ho molto diradato la pubblicazione dei miei look, per vari motivi: sono piuttosto impegnata con il lavoro e il caldo-umido devastante (non sono tanto le temperature, ma il tasso di umidità a rendere il clima pesante, trovo) mi toglie energie e soprattutto voglia di fare foto.

Ieri sera però, complice un grosso temporale che ha rinfrescato un po’ l’aria, ho deciso di fare un piccolo sforzo e di indossare qualcosa di diverso dal solito per una cena all’aperto.

D’estate, ho una vera passione per il bianco e in particolare per gli abitini bianchi, (a cui ho dedicato anche un intero post): li trovo freschi e, soprattutto, rappresentano una base che si presta virtualmente a qualsiasi variazione.

A seconda degli accessori e dei colori, infatti, un abitino  bianco può passare da sportivo a boho a elegante, da ultrasobrio ad allegro e un po’ hippy and so on.

Ieri ho deciso di provare questo accostamento un po’ azzardato, abbinando un abito bianco a sottoveste, molto semplice come linea e tessuto, a un unico dettaglio a contrasto, questa clutch di Claire Vivier a motivo leopardato.

Cosa indosso:

Abitino bianco, old, Revolve (simile qui , qui e qui e qui)

Sandali beige Michael Michael Kors via Yoox, old, simili qui, qui qui

Clutch, Claire Vivier, old, simili quiqui o qui

Orecchini di cristalli bianchi, Dublos, simili qui e qui

E voi? Indossate abitini bianchi d’estate? Come preferite accessoriarli?

Saldi 2018: nove cose da comprare ora e indossare il prossimo autunno

Le prime maglie di lana stanno già facendo capolino nei negozi, ma le temperature sono roventi, invogliando ben poco a pensare allo shopping per la prossima stagione. In fondo, è bello godersi al massimo l’estate e, con lei, perché no, anche i saldi estivi, quest’anno più ricchi che mai!

Ma c’è un tipo di shopping furbo che conviene sempre fare, specie ora che i saldi sono allo zenit (e i prezzi conseguentemente ai minimi): comprare oggi, in saldo, cose che ci daranno grandi soddisfazioni a partire da settembre, perché perfettamente in linea con le nuove tendenze.

Ma su quali capi e accessori concentrarsi in vista della prossima stagione?

Ho fatto un po’ di ricerche, letto qualche bell’articolo sulle prossime tendenze e ho selezionato queste nove cose: se le avvistate e ve ne innamorate, afferratele al volo! Sì, perché le sfrutterete moltissimo anche ai primi freddi.

1 – MARSUPIO

Tutte le foto sono tratte da Pinterest

Già di moda la scorsa stagione, avranno un nuovo comeback in autunno. Un dettaglio stiloso e anche pratico per dare un tocco particolare ai vostri outfit (e definire il punto vita!).

Dove comprarlo: ad esempio qui qui

2 – ORECCHINI GIGANTI

Dicono che saranno un vero tormentone, specialmente in versione mono (ossia indossandone uno soltanto). Oltre, naturalmente, a essere un classico estivo, in grado di regalare un tocco interessante a molti outfit dell’estate.

Dove trovarli: per esempio qui, qui e qui

3 – CAPI FLOREALI E FOLK

Il trend forse più forte delle ultime stagioni è destinato a proseguire più forte che mai, come dimostrano anche i primi nuovi arrivi nei negozi. Perciò, via libera alla caccia al saldo floreale (e anche ad altri tessuti d’ispirazione folk: patchwork, tessuti ricamati ecc.), da sfruttare al massimo anche in autunno!

Dove trovarli: un po’ ovunque, nei mercatini, nei saldi delle boutique, oppure online qui, qui o qui

 

4 – ACCESSORI WESTERN

A volte tornano: vale anche per il trend western, uno dei più visti sulle passerelle per la prossima stagione.

Dove acquistare pezzi a tema: forse per l’abbigliamento occorrerà aspettare i nuovi arrivi, ma per gli accessori – che tra l’altro non passano mai veramente di moda e possono essere tranquillamente indossati con un paio di jeans o di shorts – conviene senz’altro guardare ai saldi: ad esempio quiqui o qui.

5 – MATERIALI PREZIOSI: LAMÉ, PAILLETTES, TESSUTI ARGENTATI

Questo è uno dei nuovi trend che più mi attira, lo confesso: amo infatti l’accostamento di materiali più ruvidi e invernali ad altri più preziosi.

Dove comprare capi argentati, paillettati o in lamé: ad esempio qui o qui. o qui.

6 – MAXI SHOPPER

Con buona pace della borsetta media che fa tanto bon ton (o, a esagerare, anche un po’ “sciuretta”), quest’autunno è atteso un grande ritorno della maxi bag. Perciò, se trovate quella dei vostri sogni a un buon prezzo, agguantatela al volo!

Io per voi ho trovato queste <3 , con modelli di Michael Kors e altri brand fantastici al 50%!

7 – STAMPA ANIMALIER

Dalla sfilata di Tom Ford

Il leopardato, questo classico in realtà sempre presente nella moda e nel guardaroba di molte di noi (c’è chi lo ama e chi lo odia: io lo amo, se ben dosato) quest’autunno farà un ritorno da grande protagonista.

Già avvistato sulle passerelle di molti stilisti e tra i nuovi arrivi di moltissimi brand, è una di quelle cose che si trovano facilmente anche in saldo. Vale la pena colpire, dunque!

8 – SNEAKERS SPORTIVE

Anche il trend sporty-chic proseguirà con prepotenza la prossima stagione. I capi e gli accessori su cui puntare sono diversi, naturalmente, ma mai come ai saldi è possibile fare ottimi affari con modelli di Sneakers di tendenza altrimenti molto più costose.

In questo, siti come Asos o Giglio o anche Yoox si rivelano vere miniere d’oro!

9 – CHECK

L’ultima tendenza è presente già da almeno una stagione (e in effetti è quella in cui sono più fornita, per ora): il check, ossia i tessuti a quadri, specie sul grigio e sulle tonalità del beige, sarà molto presente anche quest’autunno.

Oltre a voler sfruttare quello che già ho, mi piacerebbe anche trovare qualche nuovo pezzo interessante, come questo che ho appena ordinato:

E voi? Avete fatto qualche affare interessante ai saldi, in vista del prossimo autunno?

Oppure state cercando qualcosa di specifico?