Look del giorno: bianco e blu cobalto con accenti pitonati

Per il look di oggi ho scelto l’unico paio di jeans colorati che ho tenuto, un paio di vecchi J Brand colore blu cobalto.

I jeans colorati mi piacciono molto e sono sempre tentata di aggiungerne qualche paio, ma in effetti mi rendo conto di indossarli poi molto meno di altri, più neutri.

Per questo li ho spezzati con molto bianco e accessori pitonati, che per l’estate considero un neutro che lega bene con i colori, anche decisi.

Cosa indossavo:

Pantaloni, J Brand, super old (simili qui e qui )

T-shirt, Asos, qui

Scarpe, Tommy Hilfiger, old, simili qui e qui

Borsa, Michael Kors, simili qui e qui e qui

Orecchini blu cobalto, Dublos, regalo (simili qui e qui)

 

 

 

Classici ma non troppo: top e vestiti a spalle scoperte

(Immagini tratte da Pinterest)

Proposti come nuova tendenza del momento qualche estate fa, i top e i vestiti a spalle scoperte, detti anche “off shoulder” o “alla Bardot” in onore di Brigitte Bardot, che li lanciò addirittura negli anni 60, sembrano destinati a durare.

Personalmente li amo moltissimo da sempre e li usavo già prima che diventassero di moda, così come altre donne, e trovo stiano bene davvero a tutte!

Ciò nonostante, quando ne parlo con amiche e conoscenti, mi capita ogni tanto di incontrare delle remore: “non mi stanno bene”, “ho le spalle troppo larghe/strette per indossarli” o, addirittura, “sono troppo grassa per gli off shoulder top”, quando è evidente, almeno secondo me, che stanno decisamente meglio con spalle un po’ tornite.

Personalmente, ora che sono in giro per l’Europa da ormai quasi tre settimane, li ho visti indossati tantissimo ovunque (ma soprattutto in Costa Azzurra, una vera mania!) – sia nella versione top o blusa che sotto forma di abiti – e trovo donino praticamente a tutte!

Insomma, l’off shoulder top/dress, (ri)proposto come un trend del momento qualche stagione fa, sembra destinato a durare nel tempo e ha tutto il potenziale per diventare un grande classico dell’estate.

Ma quali sono i modelli su cui puntare?

IL TOP A SPALLE SCOPERTE

Sicuramente il pezzo più facile e abbinabile, va praticamente con tutto, dai jeans skinny agli shorts, alle pantacoulotte alle gonne, mini o longuette.

 

A seconda della silhouette o della preferenza per i pantaloni a vita alta, conviene puntare su modelli più corti o addirittura cropped, che segnino bene il punto vita: sono valorizzati al massimo da uno skinny a vita alta o da un paio di shorts e stanno bene anche a chi ha un bel seno, perché evitano di allargare visivamente tutta la parte superiore del corpo.

Dove comprarli (cliccate sull’immagine desiderata per accedere a tutte le informazioni) :

Su Asos, secondo me il posto decisamente migliore. E oltretutto offre reso gratuito, spedizione gratuita e tempi di consegna decisamente brevi.

L’ABITO OFF SHOULDER

Versione più recente di questo trend, è deliziosa in piena estate, per mostrare l’abbronzatura. Conviene evitare, per tutte le silhouette, i modelli troppo “a sacco” a favore di modelli morbidi, ma più femminili.

Dove acquistarlo (cliccate sull’immagine per accedere a tutte le informazioni):

LA CAMICIA

È forse l’interpretazione più recente dell’off shouldeer top ed è decisamente innovativa e interessante – anche se sicuramente difficile da stirare!! Non mi ci sono ancora davvero cimentata soprattutto per quest’ultimo motivo, ma trovo che ci siano modelli decisamente belli, soprattutto in bianco e azzurro, colori classici pere una camicia.

Dove comprarla (cliccate sull’immagine per accedere a tutte le informazioni):

 

 

 

 

 

 

 

IL MAXI DRESS O LA TUTA

Anche queste ultime interpretazioni del trend “spalle scoperte” sono decisamente attuali, perché abbinano un capo di tendenza a un altro capo trendy dell’estate – l’abito maxi o la tuta, appunto, dando vita a look davvero interessanti e molto “2018”.

Consiglio per ricreare il look risparmiando 😉 : comprate un top off shoulder in un colore di cui possedete già un “sotto”, pantalone o gonna lunga, e ricreate lo stesso effetto di una tuta con un look monocolore – facilissimo e funziona!

Dove comprarli (cliccate sull’immagine desiderata per accedere a tutte le informazioni) :

 

È un capo che adoro per l’estate, che consiglio a tutte e che secondo me sta bene davvero a tutte. Inoltre è facile, si abbina facilmente a vari stili, dal minimal al romantico al gipsy, e se scelto bene occupa pochissimo posto in valigia, senza stropicciarsi!

Questo è uno degli ultimi abbinamenti che ho fatto, con un top comprato proprio quest’estate.

Voi ne avete? Li usate? E quali sono i vostri abbinamenti preferiti? A presto!

Se questo post vi è piaciuto, seguite le mie bacheche sempre aggiornate su Pinterest oppure iscrivetevi alla mailing list per essere sempre informate:

Moda estate: nuovo acquisto, nuovo colore nel guardaroba

Tempo fa sono stata diagnosticata “autunno intenso” secondo l’armocromia.

Come alcune di voi probabilmente già sapranno, l’armocromia (vedi qui per un test e qualche informazione in più; per una diagnosi più precisa è sempre consigliabile rivolgersi a una consulente d’immagine) è una teoria che studia l’armonia dei colori valutandone diversi aspetti qualitativi: saturazione, temperatura, profondità, contrasto. Applicata al nostro guardaroba, l’armocromia diventa un’alleata quando si tratta di scegliere abbigliamento e makeup se si scelgono tonalità di colore che ci donano in base ai nostri colori naturali (occhi, capelli, ma soprattutto incarnato).

Ciascuna di noi può appartenere a una particolare stagione e sottostagione e io sono risultata essere, appunto, autunno intenso.

Comunque, mi sono resa conto di aver snobbato per decenni un’intera gamma di colori in sé molto adatti alla mia stagione cromatica, quella dei verdi.

Quest’anno ho deciso di correre ai ripari e quando ho visto questo top di Zara ho deciso di colpire; quando introduco un nuovo colore, infatti, cerco di non investire in un’intera “capsule” di quel colore in una volta sola, ma di procedere un po’ alla volta, per tentativi ed errori, per così dire.

Cosa indosso:

Top, Zara

Jeans skinny, a vita alta, old (ma praticamente identici a questi)

Borsa, Gucci mod. Dionysus

Sandali di corda con zeppa, Gaimo, super old, ma simili quiqui, qui , qui

Orecchini a cerchio dorati, questi

 

Se questo post vi è piaciuto, seguite le mie bacheche sempre aggiornate su Pinterest oppure iscrivetevi alla mailing list per essere sempre informate:

 

Questo & Quello edizione estate / 1

Quando pubblicherò questo post sarò in vacanza, più precisamente on the road in giro per il sud Europa.

Ho pensato di scriverlo ora, in qualche ritaglio di tempo, tanto per passare in rassegna varie cose acquistate e fatte nel mese di giugno.

1 – PROGETTI DI DECLUTTERING

Con il mese di giugno è arrivato il caldo e la conseguente voglia/necessità di tornare a indossare i top dimenticati dalla scorsa estate.

Detto fatto, ma il tutto risultava un po’ disordinato, come potete notare:

Detto fatto, ho tirato fuori tutto, ho riversato il contenuto dello scaffale dei top estivi sul mio letto e mi sono messa a fare un mini decluttering:

Gran Caos di top assortiti…

… e ne ho scartati 5 da regalare

Poi ho riordinato il resto per colore…

Risultato: due pile semiordinate di top, ordinati per colore.

Già che c’ero, ho riordinato anche la mia bigiotteria, utilizzando questo pratico portagioie, acquistato su Amazon, che trovo davvero geniale e risolutivo!

Si appende come una gruccia qualsiasi, occupa pochissimo spazio ed è anche bello da vedere, una volta riempito con i vostri bijoux.

2 – PROGETTO “RAZIONALIZZAZIONE COSMETICI”

Il progetto continua, anche se ormai è avanzato al punto da obbligarmi a rimpiazzare immediatamente i cosmetici che finisco, che sono quasi tutti necessari. Inoltre mi sono rimasti ben pochi campioni, mini taglie ecc. da utilizzare in alternativa.

Questi sono gli empties delle ultime settimane (quasi due mesi, in effetti).

Tra i prodotti che certamente ricomprerò ci sono:

ESTÉE LAUDER DOUBLE WEAR LIGHT STAY-IN-PLACE MAKEUP SPF10 30ML

Questo per me è un classico pluriennale, il mio fondotinta preferito in assoluto che penso non lascerò mai più. Non riesco a trovargli difetti. Tutto quello che sostiene di fare, lo fa e anche meglio di quanto dichiarato.

HAILEY BALDWIN FOR MODELCO SUPER LIPS LONG-LASTING LIP LACQUER (VARIOUS SHADES)

Un altro preferito conosciuto grazie a un omaggio di Lookfantastic. Lo adoro per la sua ricchezza, idratazione e persistenza. Lo uso sia da solo che sopra al rossetto: “blocca” il colore e aggiunge idratazione soprattutto nel caso di rossetti che, pur belli come colore, a volte seccano un po’ le labbra.

LA ROCHE-POSAY REDERMIC [R] ANTI-WRINKLE RETINOL TREATMENT 30ML

Questa crema, di cui ho provato alcuni campioni, mi ha davvero colpito per la sua efficacia. Da anni mi sentivo “orfana” della mia vecchia crema al retinolo che per me era una sorta di sacro Graal; dopo aver provato varie alternative (sostanzialmente acqua fresca e pure costosa), ho deciso di dare una possibilità a questa e mi sono trovata benissimo!

La pelle al mattino risulta visibilmente tesa e adeguatamente colorita – in una parola, sana. Io la uso per contrastare i segni dell’età, ma funziona anche per eventuali accenni di brufoletti, che vengono come “spianati”. L’altro giorno l’ho fatta applicare a mio figlio adolescente su un brufoletto isolato ed è rimasto molto colpito dal fatto che il mattino dopo fosse quasi scomparso.

3 – VIDEO GUARDATI

Come sempre vi linko qui alcuni video visti nelle ultime settimane che mi sono piaciuti:

Video di Alyssa Beltempo, con una challenge: come non indossare i jeans per alcuni giorni di fila. Decisamente una sfida per me!

Video della minimalista finlandese Jenny Mustard: “How to stop bad shopping” – so motivational! 😉 

Video della Vlogger Erin Eliasbeth su come essere creativi e realizzare nuovi outfit con quello che abbiamo già

Video della famosissima Marie Forleo su come superare il timore di essere giudicati – guardatela perché è brillante e molto divertente. Ho iniziato a seguirla perché parla di altri temi che mi interessano, è davvero forte!

4 – ACQUISTI DEL MESE

Top paillettato ombré sui toni del bianco, da indossare con jeans bianchi e non o con gli shorts.

Prendisole nero con dettagli a volant di ASOS, davvero di buona qualità, un pezzo facile e informale che risolve secondo me un sacco di situazioni tipicamente estive, sia di giorno che la sera.

Vestitino color panna di Mango (nuova collezione, purtroppo non è in saldo)

Jeans skinny Noa

Jeans a vita alta, modello NOA, sempre di Mango

5 – LETTURA DA SPIAGGIA

Pur essendo convinta che quello delle francesi che non ingrassano/invecchiano/imbruttiscono/si ubriacano/vestono male sia un falso mito , non resisto a un buon libro di stile, francesi incluse.

Non so neanch’io perché mi piaccia leggerli, forse semplicemente per trovare conferma di quello che penso io sulla moda e sullo stile.

In ogni caso, ho googlato l’autrice e il suo stile mi è piaciuto, per cui l’ho comprato.

Ageless Beauty: The Secret to french elegance 

6 – LUOGO DEL MESE

Notimeforstyle attualmente è in vacanza, impegnata in un giro on the road attraverso il Sud della Francia e il Nord della Spagna. Prossimamente su questi schermi!

Se questo post vi è piaciuto, seguite le mie bacheche sempre aggiornate su Pinterest oppure iscrivetevi alla mailing list per essere sempre informate:

Look del giorno: shorts bianchi e blusa over

Qualche domenica fa, complice la giornata di sole e ozio assoluto, ho optato per un look decisamente “sciallo”, come direbbero i miei figli, indossando un paio di shorts, capo di abbigliamento che a dire il vero non amo moltissimo e tendo a indossare poco.

Il cielo azzurro, il caldo mitigato da un bel venticello fresco e la terrazza nel pieno della sua fioritura invitavano decisamente a un pranzo easy in terrazza!

Come colori ho scelto il bianco e il blu, che per me rappresentano i colori dell’estate per eccellenza, anche se non vivo al mare, ma vicino al lago.

Il tocco di rosso, che spesso amo abbinare a questi due colori, stavolta viene dal pomodoro della caprese. 😉

 

Un pomeriggio di inizio estate in terrazza

Elogio della pigrizia: quando le temperature si alzano, via libera ai pranzi veloci, leggeri e soprattutto freschi, da preparare senza l’ausilio di forni & fornelli!

Cosa indossavo:

Scarpe All Star, qui

Shorts bianchi, Yoox, old, simili qui, qui e qui

Blusa over in cotone indiano a stampe bianche e blu, simli quiqui e qui

Orecchini, Kenneth J Lane, simili qui

Cintura, Yoox

Vista sul lago dalla terrazza…

 

Se questo post vi è piaciuto, seguite le mie bacheche sempre aggiornate su Pinterest oppure iscrivetevi alla mailing list per essere sempre informate:

6 cose super low-cost che valgono ogni centesimo

Per par condicio rispetto al post dedicato agli oggetti “luxury” che ho apprezzato e utilizzato di più nel tempo, ho deciso di scrivere un post dedicato invece a sette piccoli oggetti assolutamente low-cost che ho amato particolarmente nel tempo e che, a dispetto del prezzo “piccolo”, hanno anche dimostrato una buona durata e qualità nel tempo.

1 – LA CLUTCH PAILLETTATA

Questa pochette, costata pochissimo e amata tantissimo negli anni, si è rivelata preziosa per aperitivi e sere, soprattutto serali ma non solo. Oltretutto occupa pochissimo spazio ed è una compagna ideale per qualsiasi vacanza o viaggio.

Si abbina magnificamente a tutti i neutri, ma anche a colori più vivaci. Io ce l’ho e la uso ormai da tanti anni con grande soddisfazione e no, nonostante sia low-cost non si è ancora rovinata!

2 – GLI ORECCHINI GRANDI A CERCHIO

Per me devono essere grandi, minimo 6cm di diametro, altrimenti risultano old fashioned. Sono un accessorio low-cost ormai immancabile che ogni tanto penso di rimpiazzare con un paio di orecchini d’oro, ma è difficile trovarne di grandi.

Per questo, quando li trovo a un buon prezzo ne  faccio incetta. Stando attente al contatto con liquidi e cosmetici, durano comunque un bel po’.

Stanno bene con i capelli lunghi e sciolti, ma anche raccolti, secondo me.

Dove trovarli: per esempio quie qui. – per una scelta più vasta vedi qui.

3 – LE ESPADRILLAS DI CORDA

Quelle che amo di più sono color tortora, hanno almeno una decina d’anni e sono di Gaimo Espadrillas, in tela e corda. Comodissime, le ho strausate, semidistrutte, fatte riparare perché non riuscivo a trovare un valido sostituto.

In realtà, a cercare bene è facile trovarne di bellissime e, anzi, con il fatto che sono tornate in auge la scelta si è ampliata molto.

Per me, come calzatura estiva hanno solo vantaggi: sono comode, sono casual ma in modo femminile e carino, se prendono acqua non si rovinano e stanno bene sia con gonne e abitini che con i pantaloni (skinny e flare). Questo ne fa un altro accessorio ideale per viaggi e vacanze.

Dove comprarle: per esempio qui, quiquio qui.

4 – LE COLLANE “BALINESI

Sono le collane lunghe con nappine, io le chiamo balinesi perché ne ho fatto incetta l’anno scorso, durante una vacanza in Indonesia appunto.

Colorate o a tinte neutre, metalliche o più opache, stanno benissimo su abitini e prendisole, con il bikini e una tunica in spiaggia, ma anche su look più cittadini. Io lo scorso inverno le abbinavo anche al cashmere, in inverno.

La loro tipica forma allungata e a V lunga, oltretutto, ha un effetto slanciante.

Dove comprarle: ovviamente consiglio di utilizzarle come scusa per una vacanza a Bali 😉 … In mancanza, si trovano in vendita quiqui (e qui i relativi braccialettini, deliziosi da portare in versione multipla).

Vi consiglio di guardare anche le meravigliose creazioni di Paola Spatuzza a questa pagina Facebook. Sono davvero belle!

5 – IL SANDALO MINIMO IN ECO SUEDE

Io l’ho trovato a pochissimo su Amazon un paio di stagioni fa e, vista la comodità e la grande resistenza, ho bissato con altri colori. L’ho anche consigliato a molte amiche che a loro volta hanno bissato!

Per questo volevo consigliarvelo, se state cercando una calzatura comoda e “minimal” che stia bene un po’ con tutto. Non sarà vera pelle, ma in piena estate non è poi così importante, trovo.

Tove comprarlo: quioppure qui in diverse varianti e colori

6 – LA T-SHIRT BIANCA BASIC DI QUALITÀ 

Capo basic per eccellenza d’estate, si abbina davvero a tutto: con i pantaloni neri da ufficio, magari leggermente cropped e abbinati a un bel sandalo, sopra un paio di shorts, sotto un abitino nero sottoveste, ma anche al mare, utilizzate magari in versione più lunga come copricostume.

Si trovano ovviamente ovunque, ma non sempre sono di qualità e dopo un paio di lavaggi spesso sono da buttare.

Quest’anno ho testato quelle del brand ASOS e mi sono trovata benissimo. L’ultima che ho preso è questae sono davvero soddisfatta: lo scollo è giusto, non esagerato, la qualità spessa e morbida, regge bene i lavaggi e non si deforma in lavatrice.

Se questo post vi è piaciuto, seguite le mie bacheche sempre aggiornate su Pinterest oppure iscrivetevi alla mailing list per essere sempre informate:

Libri per l’estate, di tutto e di più

Mentre consultavo vari siti e bestseller list di libri alla ricerca di qualche lettura interessante per riempire il mio Kindle come un ovetto in vista delle vacanze, ho consultato un sacco di recensioni interessanti e ho anche acquistato 3-4 libri, che conto di leggere nelle prossime settimane.

Sono una lettrice onnivora e trasversale, ma ritengo che certe letture, più “impegnate” se vogliamo chiamarle così, siano anche molto personali, per cui preferisco non consigliare libri di questo tipo sul blog semplicemente perché penso siano il frutto di scelte molto individuali e di gusti sviluppati nell’arco degli anni. Per esempio,  personalmente amo scrittrici come Irene Nemyrowsky o Alice Munro, ma non è detto che debbano necessariamente piacere ad altri.

Poi ci sono altri tipi di letture che penso un po’ tutte e tutti possiamo gradire e apprezzare, magari perché ci aiutano a evadere o a vivere più leggeri, oppure perché ci danno informazioni interessanti su un determinato argomento.

Ho pensato perciò di condividere qui qualcuno dei titoli che mi hanno colpita (e che in qualche caso ho anche comprato).

E voi? Avete qualche bel libro da consigliare per l’estate? Se sì, condividetelo nei commenti: i libri belli da leggere non sono mai troppi!

 

GLENN COOPER, I FIGLI DI DIO

In fatto di thriller, Glenn Cooper è sempre una garanzia di letture adrenaliniche e mozzafiato, da divorare fino all’ultima pagina. E questo ha una trama decisamente insolita…

 

MICHAEL CRICHTON, I CERCATORI DI OSSA

“A dieci anni dalla sua scomparsa, approda in libreria uno dei libri più importanti nella storia di Michael Crichton: il romanzo precursore di Jurassic Park, da cui è scaturita l’idea alla base del suo bestseller più amato e apprezzato nel mondo.”

Un’altra firma che è garanzia di letture adrenaliniche fino all’ultima pagina. Le recensioni ne parlano bene!

BEATRICE MAUTINO: IL TRUCCO C’È E SI VEDE

Questo libro mi è stato consigliato da diverse persone, sia esperte del settore che lettrici interessate all’argomento.

Cito da Amazon:

“Siamo sommersi da ogni tipo di informazione sui cosmetici. Siamo frastornati.

Di quello che ci spalmiamo addosso sappiamo solo ciò che il marketing vuole farci sapere, ovvero poco e, soprattutto, non sempre qualcosa che sia in grado di aiutarci a scegliere in maniera consapevole. La triste realtà è che un’informazione attendibile e critica sui cosmetici nel nostro paese praticamente non esiste…”

Io l’ho comprato e conto di leggerlo in vacanza.

ANDREA CAMILLERI, IL METODO CATALANOTTI (IL COMMISSARIO MONTALBANO)

Perché non c’è estate senza almeno un romanzo di Camilleri…

“Nella nuova indagine di Montalbano Camilleri inventa storie e personaggi e li fa recitare fra le quinte di un teatro di cui è lui il regista. Una messinscena che è dramma e commedia insieme.”

SARAH KNIGHT, IL MAGICO POTERE DI SBATTERSENE IL CA**O

A me piace sfruttare i mesi estivi e in particolare le settimane di vacanza e relax, quelle in cui posso essere me stessa fino in fondo e 24 ore al giorno, per un po’ di crescita personale.

Questo classicone, che ho già letto, è del tutto superfluo se già siete maestre in quest’arte, mentre è utile (e meno cattivo di quanto ci si aspetterebbe dal titolo) a chi, come me, è sulla strada giusta, ma a volte antepone le (eccessive) richieste altrui alle proprie.

CLIVE CUSSLER, LA VENDETTA DELL’IMPERATORE

Un altro thriller storico mozzafiato perfetto per qualche ora di relax. A giudicare dalla trama, questo best-seller promette di soddisfare tutti i desideri in fatto di suspence…

NADIA NARAIN PHILIPS, SELF-CARE FOR THE REAL WORLD

Ho scoperto questo libro, ben recensito, in un sito che parla anche di pensiero positivo. Mi sembrava meno metafisico e più concreto di altri, così l’ho preso. Sembra bello!

 CLÉMENCE VON MUEFFLING

Nonostante non creda molto nel mito delle francesi che non ingrassano, non invecchiano e non fanno tutta una serie di cose che invece sembrano inevitabili per noi comuni mortali 😉 (forse sono stata troppe volte in Francia?), questo genere di libro mi diverte sempre, per cui l’ho comprato.

Se avete voglia di leggere qualche altro libro di moda e stile, vi rimando anche a questi post (qui e qui e poi anche qui), dove ho recensito alcuni dei miei titoli preferiti di sempre.

JEANNE DAMAS, À PARIS

Semplicemente per lustrarsi gli occhi ed entrare in un mondo di stile diverso.

LAUREN IMPARATO, HEALTHY SOLUTIONS FOR REAL LIFE

Per chi ama pianificare la propria strategia di benessere proprio d’estate, mentre fa il pieno di nuove energie. Bello e ben illustrato (non l’ho ancora preso, ma l’ho visto in libreria).

VITTORINO ANDREOLI, BEATA SOLITUDINE. IL POTERE DEL SILENZIO.

 

Per chi, come me, pur amando la compagnia a volte ha bisogno di starsene per i fatti propri per un po’ (e non sempre viene capita da chi la circonda, per questo).

“In tempi di ipertrofia dell’informazione e di spreco delle parole, «il silenzio parla, proprio perché non dice, e se in esso non si conosce tutta la verità, tuttavia si giunge alla certezza che la verità esiste».
Solitudine e silenzio sono dunque necessari per un’igiene della psiche, per un’ecologia dello spirito, per nutrire una relazione feconda con se stessi, ritrovando così, nei rapporti con gli altri, quell’armonia spesso compromessa da aggressività e violenza, abusi e nevrosi.”

Se questo post vi è piaciuto, seguite le mie bacheche sempre aggiornate su Pinterest oppure iscrivetevi alla mailing list per essere sempre informate:

E con questo vi auguro piacevoli letture e un meraviglioso inizio d’estate!

Look del giorno: grigio d’estate

Che il grigio sia uno dei miei colori preferiti per l’estate non è certo un segreto: in realtà mi piace tutto l’anno, ma d’estate, con la pelle un po’ abbronzata, trovo che dia il meglio di sé.

Ingiustamente considerate spente e tristi, le varie sfumature di grigio possono in realtà offrire molte soddisfazioni in fatto di look e abbinamenti, perché si abbinano bene a molte altre tonalità neutre, ma anche ad alcuni colori, come il turchese.

Inoltre, il grigio è un colore che esalta l’abbronzatura, anche lieve, regalando un’aria raffinata, ma anche sportiva a chi l’indossa.

Per evitare l’effetto tuta, secondo me, basta spezzare il grigio con un capo in denim e aggiungere dettagli luminosi, ma ton sur ton, come ad esempio una bella collana, anche vistosa come la mia.

In questo caso ho preferito giocare con un Mix & Match di sfumature e dettagli molto simili tra loro, abbinando però tessuti, trame, stampe, elementi lucidi e opachi (tutto questo per evitare di dire che ho pescato una serie di cose un po’ randomly dal guardaroba…).

Cosa indossavo:

Jeans lavaggio medio a vita alta, H&M, super old (ma qui c’è una scelta infinita)

Decolleté pitonate, Yoox (recensione qui, simili qui)

Top grigio, Vici Collection, old, simili qui, qui e qui

Collana multifilo argento, Asos, old, ma ce ne sono di molto simili qui, qui e qui

Blazer grigio con motivo a quadri, preso da Zara la scorsa primavera (esaurito), simili quiqui e qui

Se questo post vi è piaciuto, seguite le mie bacheche sempre aggiornate su Pinterest oppure iscrivetevi alla mailing list per essere sempre informate:

Look del giorno: bianco e azzurro con off shoulder top

 

Per affrontare un’altra torrida giornata estiva tra ufficio e impegni vari, ho scelto i miei nuovi jeans bianchi a vita alta e li ho abbinati a una nuova blusa azzurra di Zara modello Bardot.

Stranamente, dopo molte resistenze, sto iniziando ad amare questo modello che pensavo mi stesse male, invece trovo abbia degli indubbi vantaggi, oltre al fatto di star bene con i top più corti!

Secondo l’armocromia, l’azzurrino pallido non è uno dei “colori amici” della donna “autunno intenso”, che risulta valorizzata da colori meno polverosi e più accesi, ma ho deciso di fare un’eccezione. Probabilmente anche il contrasto con il pizzo bianco cambia un po’ l’impatto di questa blusa, vivacizzandola.

I jeans bianchi sono un capo che uso tutte le estati e anche molto, per cui ne ho sempre posseduto più di un paio. Quelli che già avevo dalle passate stagioni erano un po’ vecchi e malandati, ormai; per questo quest’anno ho deciso di rinnovare un po’ la mia mini collezione.

Cosa indosso:

Jeans bianchi a vita alta, Mango (io ho preso questi da Mango, ma trovate un’ampia scelta qui)

Blusa azzurra con pizzo, Zara

(altri favolosi modelli qui, qui qui, )

Sandali di corda con zeppa, Gaimo, super old, ma simili quiqui, qui , qui

Orecchini di perline bianche, regalo (simili per impatto visivo qui e qui)

Borsa Louis Vuitton mod. Pochette Métis 

In questo look ho “assemblato” alcuni dei miei preferiti per l’estate, a cui ho dedicato anche questo post.

 

Se questo post vi è piaciuto, seguite le mie bacheche sempre aggiornate su Pinterest oppure iscrivetevi alla mailing list per essere sempre informate:

Autoabbronzanti: come avere un colorito ambrato tutto l’anno

Autoabbronzanti per una tintarella “sana”?

Una domanda che mi viene posta abbastanza spesso riguarda la mia apparente e leggera abbronzatura che ho tutto l’anno.

Ne avevo già parlato un po’ qui, ma viste le frequenti domande ho deciso di scrivere questo “tutorial” sull’utilizzo degli autoabbronzanti.

Molte persone sono convinte che io sia di carnagione ambrata (ahahhahah, consentitemi la risata, ma io al naturale sono più pallida di mio marito, che “nasce” biondo (ora sale e pepe) e con gli occhi azzurri). Il che è buffo, considerato che da sempre lotto contro un’incredibile tintarella di luna che d’inverno può assumere 50 sfumature di grigio (pallido).

Ciò nonostante, l’anno scorso sono andata dal dermatologo a farmi controllare un neo e persino lui è stato tratto in inganno: mi ha detto infatti che, con la mia “carnagione ambrata” (duplice ahahahhah) , non corro comunque grandi rischi legati ai raggi solari.

Ho pensato pertanto di condividere qui il frutto della mia esperienza in fatto di abbronzatura artificiale.

 

Ecco dunque la mia routine abbronzante, che seguo più o meno estate e inverno. Semplicemente, intensifico un pochino il numero di applicazioni (ogni 10-15 giorni in pieno inverno, fino a 1 volta ogni 4-5 giorni in estate), in modo da seguire una sorta di “naturale” (ehm) processo di abbronzatura.

Con la frequenza che reputo più adatta al momento, applico  un autoabbronzante corpo utilizzando l’apposito guanto.

Negli anni ho messo a punto una micro procedura davvero semplice con prodotti adatti al mio incarnato:

Come autoabbronzante corpo in passato usavo Faux Tan Body di Bare Minerals. Era un prodotto che trovavo fantastico e decisamente superiore ad altri prodotti concorrenti per naturalezza del colore, piacevolezza e soprattutto fragranza.

Purtroppo (come mi capita con una certa inquietante frequenza) questo prodotto sembra essere scomparso dal mercato, per cui ho dovuto trovare un valido sostituto.

Con mia sorpresa, l’ho trovato con molta facilità in un prodotto tra i più conosciuti in commercio, tra gli autoabbronzanti.

Essendo già un pochino colorita dopo una vacanza ai Caraibi fatta a Pasqua e un paio di weekend al mare/sole, ho optato per l’acquisto di questo prodotto:

St. Tropez Dark Bronzing Lotion

che si è rivelato un’ottima scelta.

Tuttavia, per chi avesse la pelle più chiara o fosse alle prime esperienze, il brand St. Tropez offre tutta una gamma di prodotti autoabbronzanti, adatti un po’ a tutte le pelli e a tutte le esigenze.

Perché acquisto questi prodotti su Lookfantastic?

Innanzitutto per il prezzo, perché a fronte di sconti che arrivano al 20-25% e sono praticamente sempre disponibili (basta iscriversi al sito per ricevere le promozioni) e ai ricchi premi e cotillon (sotto forma di mini taglie di vari prodotti cosmetici) non trovo uguali in termini di convenienza.

Poi per la gamma di prodotti per l’abbronzatura “cosmetica”, davvero vasta. Trovare i prodotti St. Tropez, infatti, può risultare un’impresa ardua e anche costosa alle nostre latitudini.

L’unica formulazione di autoabbronzante che personalmente sconsiglio sono le spume e gli spray, che promettono comodità ma che in realtà sono molto più difficili da dosare.

Per applicare il prodotto uso un apposito guantocome questo qua sopra, che si è rivelato davvero eccellente e ha cambiato la qualità e anche la rapidità dell’operazione di applicazione dell’autoabbronzante.

Consiglio di applicare sotto una crema corpo idratante (che, assorbita dalle zone ruvide del corpo come ginocchia e gomiti, evita eventuali “ombre” scure) .

L’idratante è importante soprattutto nelle zone più ruvide del corpo, come i gomiti, le ginocchia, i talloni ecc., ma un velo su tutto il corpo, sotto l’autoabbronzante, non guasta mai.

L’altro consiglio è di non applicare l’autoabbronzante subito dopo lo scrub, in quanto tutti gli autoabbronzanti funzionano sulla base dell’ossidazione delle cellule morte e, dopo un peeling, di cellule morte ce ne sono davvero molto poche… Per ovviare al problema basta aspettare il giorno dopo.

In questo modo, nello spazio di poche ore, al massimo di una notte, potrete acquisire una bella abbronzatura naturale, liberandovi per sempre dalla schiavitù di prendere il sole in condizioni estreme, rovinarvi la pelle anche a lungo termine, soffrire pene atroci sotto il solleone ecc. ecc.

Eviterete anche spiacevoli striature pallide e conseguenti costrizioni riguardo al modello di bikini o costume da indossare per forza, pena brutti segni e striscioline pallide sulla vostra pelle.

Una nota a parte merita il viso:

è forse la zona del corpo su cui ho testato il maggior numero di prodotti autoabbronzanti e, alla fine, i vincitori per me sono risultati questi:

  • Gocce Magiche Corpo e Gambe di Collistar (non ridete), ma utilizzato per il viso (esistono anche le apposite gocce viso, ma le trovo un po’ chiare su di me e l’effetto è più evanescente)
  • lo stesso prodotto che usate per il corpo – nel mio caso St. Tropez Dark Bronzing Lotion – applicato sopra la normale crema notte (io di solito aspetto un quarto d’ora).

Anche le principali remore riguardo all’utilizzo degli autoabbronzanti, tipo

  • rendono la pelle arancione
  • lasciano brutte strisce marroni
  • fanno male alla pelle (secondo i dermatologi, i moderni prodotti autoabbronzanti contengono unicamente molecole innocue per la pelle; in caso di pelli soggette a intolleranze, allergie o dermatiti, basta adottare la stessa cautela adottata nella scelta di qualsiasi altro cosmetico)

appartengono secondo me al passato, a patto di usare un buon prodotto e di applicarlo col guanto e seguendo i consigli forniti sopra.

Penso sul serio che, sull’onda dell’informazione sui danni causati dai raggi UV, questa categoria di prodotti si sia evoluta molto.

Se questo post vi è piaciuto, seguite le mie bacheche sempre aggiornate su Pinterest oppure iscrivetevi alla mailing list per essere sempre informate: